L'andamento del prezzo dei moduli fotovoltaici per il 2017

Quali saranno i prezzi dei pannelli fotovoltaici nel 2017, quale è la tendenza nel mondo? Una domanda che si pongono tutti coloro che desiderano compiere questo investimento, ma prima di farlo, vorrebbero avere le idee più chiare e avvantaggiarsi di un eventuale calo dei prezzi nei mesi a venire. Ad oggi, anche il fotovoltaico sta risentendo dell’attuale crisi economica

Ad ogni modo, in questi ultimi anni gli impianti fotovoltaici hanno conosciuto una grandissima diffusione e sono sorte numerose aziende in grado di proporre questo tipo di impianti. Una corsa al ribasso sembra essere più che probabile, seppur in maniera meno rapida però, rispetto a ciò che si è verificato negli ultimi anni. I motivi?

Appare piuttosto difficile che il fotovoltaico registri un nuovo boom senza un piano di incentivi ben strutturato, dato che, pur essendo un buon investimento, non consente un rientro immediato. Il quinto conto energia si è esaurito a luglio 2013 e il vantaggio per coloro che intendono installare un impianto si rifà solo alle detrazioni fiscali del 50% (fino al 31 dicembre 2013, dopodichè passeranno al 36%) e allo "scambio sul posto (l'energia prodotta in eccesso durante il giorno viene scambiata col gestore energetico con quella di cui abbiamo bisogno durante la notte).

Ad ogni modo le detrazioni fiscali del 50% fino al 31 dicembre 2016, a partire dal 2017 passeranno al 36%, fanno ottenere un bel risparmio fiscale.

Oggi chi desidera risparmiare acquista pannelli fotovoltaici provenienti dalla Cina. I primi cinque produttori al mondo proprio cinesi: Trina Solar, Yingli, Suntech, Renesola, China Enegy e China Sunergy

Quest’ultimi presentano presenti che vanno da un minimo di 70 cent ad un massimo di 0.90 euro per watt. Quelli di qualità superiore, invece, presentano un costo che parte da un minimo di 1.30 euro per watt fino a 1,5 euro di pannelli ad alto rendimento (circa il 20%) come Sunpower e Panasonic (ex Sanyo). Ad incidere in maniera considerevole sull’installazione di un impianto fotovoltaico vi è il prezzo dei moduli (circa il 70% del costo totale). Poi dobbiamo acquistare Inverter, cavi, contatori, supporto di ancoraggio.

E’ bene però precisare che i moduli solari sono le componenti principali di un impianto fotovoltaico, pertanto, risparmiare sulle dette componenti potrebbe rivelarsi controproducente, dato che in caso di scarsa qualità la resa potrebbe lasciare a desiderare. 

Ad ogni modo, i costi dei moduli dovrebbero abbassarsi da un massimo di 2.31 euro al Kw fatto registrare alla fine del 2012 a circa 1.50 per Watt, fino a giungere ad un prezzo minimo di 0,90 euro per watt nel 2022.

Cosa significa tutto ciò nel concreto? Semplicemente che il prezzo medio per una famiglia che decide di acquistare un pannello fotovoltaico da 3 Kw, che nel 2008 veniva venduto alla ragguardevole somma di 20.000 euro e nel 2013 a 6.000 euro, nei prossimi mesi dovrebbe scendere al di sotto dei 5000 euro. Ovviamente una mano in tal senso verrà data da un eventuale "sesto conto energia" che incrementerebbe la domanda con conseguente abbattimento dei costi.